UNITI: Benvenuti a Flavoured!

Alcune delle mie riflessioni in questo articolo risalgono al marzo 2020, quando ero a Gerusalemme e cominciarono a manifestarsi i segni degli effetti di Coronavirus sulla coscienza umana globale. Tra i tanti video spregevoli che circolavano all'epoca, uno positivo proveniente da Gerusalemme ha inviato un chiaro messaggio al mondo. Il valore della solidarietà. Cosa è cambiato da allora, a distanza di sei mesi? Cosa abbiamo imparato, scoperto, valorizzato, dimenticato? Lancio un invito all’unione...

La frase latina "Divide et Impera", ovvero "Dividi e conquista", è attribuita all'imperatore romano Giulio Cesare che ha attuato questo approccio alla guerra ventidue secoli fa. Funziona su scala micro e macro, guadagnando e mantenendo il potere attraverso la disgregazione delle forze maggiori del nemico, che poi - individualmente - diventano più deboli.


Giulio Cesare non è stato il primo, né l'ultimo ad applicare questa tattica contro il nemico. Il filosofo rinascimentale Machiavelli divenne famoso nella storia per il suo comportamento senza scrupoli, subdolo e ingannevole quando si trattava di indebolire e sconfiggere.


Napoleone usò la stessa strategia e, oggi, il Coronavirus. Purtroppo, nelle prime confuse settimane di marzo 2020, abbiamo assistito a episodi di paura, panico e fobia - se non, oserei dire, xenofobia in tutto il mondo. Sono di nazionalità italiana e britannica, e sono vicino all'uno come all'altro nel mio senso di appartenenza. Ho forti legami con la Spagna, e questo aumenta ancora di piu’ il sentirmi uno spirito internazionale.

La frammentazione è ciò a cui abbiamo assistito all'inizio della notizia che un virus mortale si stava diffondendo in tutto il mondo, rivendicando vite ad alta velocità. Da video infami, come quello di un pizzaiolo che sputa muco verde su una “Pizza Corona" che circola da un paese europeo, ad altri scambi sui social media che sprecano tempo. La gente di tutto il mondo è stata ostracizzata con battute di cattivo gusto.


Nel marzo 2020 ero a Gerusalemme. In uno degli stretti vicoli della Città Vecchia, ho visto tre uomini che si incontravano e si stringevano la mano in modo amichevole e caloroso, sfidando le linee guida che le autorità sanitarie avevano appena imposto. Sembravano quasi dei bambini a cui poco importavano le norme. Si strinsero la mano con quella che può essere descritta solo come "spontaneità umana". Mostravano calore e gentilezza l'uno verso l'altro. Poi, la contraddizione colpi, come spesso accade nella vita... Passai davanti a loro, e - nonostante la mia doppia nazionalità - il mio aspetto italiano mi tradi. Gridarono "Corona! Corona!". - Io sorrisi… Un grande, scintillante sorriso, che li fece tacere.

Nella vecchia Gerusalemme stretta e brulicante di persone solari, l'amichevole - "Benvenuto, da dove vieni?” - fu quel giorno sostituito da questa esperienza, che presi per uno stupido scherzo di cattivo gusto. Ci sono stati molti brutti scherzi in quelle settimane di confusione iniziale, anche su persone che hanno perso la vita. C'era molta paura di perdere la propria vita. La paura ci fa morire molte volte nella vita, quando in realtà moriamo una sola volta.

Insieme alle battute di cattivo gusto, nel marzo del 2020 si è assistito a un crescente atteggiamento di 'sto bene io, stan bene tutti’ con l'accumulo di scorte di cibo, 'necessità' come quantità sproporzionate di carta igienica che erano il soggetto preferito delle foto e dei video che circolavano sui social media. Poi, dopo un paio di settimane di quello che si potrebbe definire una ‘abbuffata di battute sui social media’ - usata quasi come anestetico per intorpidire il dolore di tante inspiegabili perdite di vite umane a livello globale - qualcosa ha cominciato a cambiare. La divulgazione dei messaggi di persone che avevano preso il Corona virus come un'opportunità per fermarsi, riflettere e agire nell'interesse della comunità cominciò ad emergere e a diffondersi a una velocità superiore a quella del virus stesso. Messaggi, e-mail, scambi, commenti, contributi, articoli - basati sulla comprensione, la compassione e la solidarietà, volti a riempire i buchi di questo "mondo simile all'Emmental" in cui abbiamo vissuto - hanno iniziato a dilagare.

Anche la reazione "Corona! Corona!" a Gerusalemme, è stato sostituito dalla diffusione di un video profondamente significativo. Esso mostrava la proiezione sul muro della Porta di Giaffa della bandiera italiana e la scritta: Italia, Gerusalemme è con te.


Speravo che questo video potesse ispirare a vedere più bandiere e nazioni con la stessa scritta su molti muri in tutto il mondo.

Solidarietà, speranza, cura, gentilezza: visti come medicine e armi contro la guerra al Virus Corona che si sta diffondendo. Persone che si riuniscono in un messaggio di resilienza collettiva e di speranza che in ogni essere umano - anche in quelli più malvagi e subdoli - c'è sempre una piccola fiaccola di una luce interiore luminosa che ha bisogno di essere nutrita.

Nel marzo 2020 il mondo ha improvvisamente rallentato in tempi di - "5G ti fa andare più veloce! - quando slogan rumorosi si sono trasformati in atteggiamento... Ma dove stavamo andando tutti? Da allora il Corona Virus ha perso molte vite, e noi porgiamo il nostro rispetto. Per noi fortunati che ci siamo mantenuti in salute, si è presentata l'opportunità di prendere questa vita segregata più lenta imposta dal confinamento e dalle sue conseguenze, come un momento di valutazione costruttiva e critica su dove l'umanità vuole andare e quale direzione prendere... forse proseguendo a un ritmo più umano.

Abbiamo imparato a rallentare volenti o nolenti... All'epoca le indicazioni e le notizie incerte diffondevano più confusione che informazioni. Regnava la reazione sull'azione... E adesso? E poi?.... Nessuno sapeva nulla...

Ora sappiamo? Cosa abbiamo imparato? Che cosa speriamo? Di cosa faremo tesoro? Cosa dimenticheremo?

In questi tempi di "quiete"... Abbiamo imparato a concentrarci? Abbiamo imparato ad ascoltare? Abbiamo colto i segni di Madre Natura che ha avuto una pausa da noi umani e dalla nostra attività? Noi - che approfittavamo della Sua abbondante generosità che la sfruttavamo sempre più, siamo stati costretti a fermarci.

Potremmo quasi dire che "Lei" ha reagito? …. Nel 2019 si sono verificati i più devastanti disastri naturali degli ultimi secoli. Quasi un grido di Madre Natura, rispecchiato da un inequivocabile richiamo all'azione che veniva dai più eminenti rappresentanti della scienza, della ricerca e della conservazione per fermare il suo esaurimento. Questo appello ufficiale è stato sostenuto dalla coraggiosa richiesta della generazione giovane che è scesa in strada in tutto il mondo all'unisono per difendere e preservare l'ambiente, il proprio futuro. Il programma delle Nazioni Unite per l'ambiente con le azioni per la biodiversità e il clima ha richiesto la responsabilità dei leader di tutto il mondo per attuare politiche innovative e riconoscere che se non agiamo tutti insieme immediatamente, Madre Natura non sarà più fonte di nutrimento, alterando così la vita sul nostro pianeta.

Gli esseri umani sono stati costretti a rallentare la loro presenza e la loro azione sulla Terra... tra la devastazione che Covid-19 ha portato su di noi, Madre Natura si è quasi presa una pausa da noi umani e sono accaduti eventi naturali straordinari ...

All'inizio di settembre, su una spiaggia della riserva naturale dell'UNESCO - che quest'estate è stata risparmiata dalla moltitudine di visitatori annuali - si sono schiuse centinaia e centinaia di uova di tartaruga. Molte di più rispetto agli ultimi anni. La sabbia calda era brulicante di piccole tartarughe marine che si precipitavano in massa verso il mare. È stato un evento gioioso, facilitato dalla ridotta presenza di esseri umani sulla spiaggia, che hanno fatto meno buchi nella sabbia, non hanno messo e trascinato le loro sedie a sdraio sulla sabbia e hanno lasciato meno spazzatura.

Con un impegno collettivo, responsabile e rispettoso di condividere consapevolmente con gli altri abitanti di questo pianeta la sua bellezza e il suo ciclo naturale, l'umanità può ancora godere di assistere ai miracoli della vita.



Quanto sopra è un esempio ottimistico - eppure proveniente da Madre Natura - tra i momenti negativi della storia che hanno segnato il 2020 fino ad oggi... abbiamo appena passato la metà di quest'anno che ha portato il meglio e il peggio dell'umanità con eventi sconvolgenti. Gli incendi devastanti in Australia sono iniziati nel 2019 e si sono protratti fino al gennaio 2020. L'impeachment del presidente americano Trump e il voto per assolverlo. Sempre a gennaio, il mondo temeva che gli Stati Uniti fossero sull'orlo di una guerra con l'Iran. Alla fine di febbraio, l'OMS ha aumentato la valutazione del rischio del Coronavirus ai massimi livelli, fino alla pandemia di marzo. In aprile il genere umano è stato imprigionato in gabbia. Maggio ha visto l'uccisione di George Floyd, il mondo ha unito l'indignazione e le proteste contro il razzismo. Giugno, luglio e agosto i paesi di tutto il mondo si sono esibiti in una danza tra possibilità di riapertura e possibilità di chiusura.

Questa realtà si è dispiegata contro gli eventi mondiali promessi e imperdibili del 2020. Dal vibrante festival delle Mongolfiere nelle Dolomiti di gennaio. La Samba che danza il Carnevale di Rio, a febbraio. Il Festival dei Colori in India che si svolge a marzo, dove le celebrazioni di Holi sono - ancora più ironicamente per quell'epoca - un richiamo al trionfo del bene sul male. Il Songkran di aprile in Thailandia, che segna tre giorni di ‘battaglia dell’acqua’, con gavettoni e festeggiamenti fino a notte fonda. Saltiamo in Francia per il Festival Internazionale del Cinema che si tiene a Cannes, a maggio. Il solstizio del 24 giugno vede il Festival del Sole a Cusco, in Perù, che celebra Inti Raymi, un omaggio religioso al Dio Sole Inti. Il sole nutre le uve pronte per la lotta del vino di San Vino ad Haro, in Spagna, dove il gioco sta nel lanciare il vino l'uno contro l’altro, piuttosto che bere vino insieme. Il gioco ci porta alla quintessenza dell'esperienza inglese di Wimbledon a luglio, spostandoci più a nord in Scozia ad agosto per l'Edinburgh Fringe Festival. Ora siamo a settembre, e fino all'inizio di ottobre, l'Oktoberfest in Germania avrebbe portato quell'ebbrezza per farci dimenticare tutto!


Novembre ci porterà speranza con Diwali. La più grande festa dell'India come celebrazione religiosa della rinnovata vittoria del bene sul male. Milioni di lampade ad olio si accendono per dissipare le tenebre dell'ignoranza.

Volgiamoci verso la luce. Per incanalarla verso l'interno. Per auto-riflettere. Proiettiamola verso l'esterno. Speriamo. Svegliamo la nostra coscienza. Agiamo positivamente uniti per Madre Natura, il regno animale e l'umanità.

Accolgo calorosamente le menti curiose che entrano a far parte del Flavoured Club, per creare uno spazio conviviale e culturale dove si possano svolgere conversazioni per promuovere azioni di condivisione di esperienze positive per animare la nostra vita, e per arricchire il nostro impegno a fare del bene l'uno per l'altro. Le idee migliori nascono intorno alla tavola con abbondanza di cibo, acqua fresca e buon vino!


9 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti