Sono uno studente, vero?


Nel corso del 2020 abbiamo sentito parlare molto di mettere in discussione e riflettere sulla nostra esistenza e su chi eravamo, siamo stati, siamo, e diventeremo dopo la pandemia...


Qualche anno fa, ero una studentessa e mi sono goduta ogni secondo di questo privilegio. L'esperienza, l'arricchimento, la curiosità, le aspettative... una vita davanti a me! Ero una studentessa. Sono maturata come studente dal liceo all'università, vivendo sia la gioia di imparare, sia le preoccupazioni e l'ansia intorno ai colloqui e agli esami. Tuttavia, ero ancora una studentessa ... perché tutto questo faceva parte della vita dello studente...


Università Degli Stdui di Milano, Milano


Cos'è stata la vita degli studenti nel 2020?


Il 2020 ha visto molte giovani vite colpite e molti sogni per il futuro si sono fermati. Cosa sarà di questa generazione? .... Cosa possiamo imparare da queste giovani vite? Possiamo noi - adulti e professionisti - essere i loro sostenitori e aiutarli a mantenere viva la fiamma della speranza? Possiamo dare agli studenti consigli pratici, ma anche rassicurazioni, coraggio e senso di attenzione e di appartenenza?



Ho raccolto le testimonianze di studenti universitari internazionali, le loro esperienze, i loro sentimenti, le loro paure e le loro speranze nell'anno accademico 2020, che ha visto il titolo "Resilienza" in primo piano nelle copertine dei loro libri di testo.


Alcuni di loro hanno voluto rimanere anonimi e mi hanno raccontato storie e situazioni vissute direttamente e indirettamente, a cui farò riferimento in questo articolo. Altri hanno dato voce alla loro esperienza e hanno voluto contribuire a questo articolo. Sono sempre molto grata a tutti loro. Questi studenti, come tutti gli studenti di tutto il mondo che vivono questa pandemia, stanno facendo storia.


Tabitha Nutt, sta studiando psicologia presso la prestigiosa - e conosciuta in tutto il mondo per essere stata frequentata da un membro della famiglia reale reale inglese e dalla storia d’amore poi qui nata - St Andrews University. Tabitha mi ha parlato di come ha coesistito con la pandemia come studentessa in una piccola città costiera scozzese dove la vita è relativamente tranquilla, ma ha sempre offerto ai suoi studenti una ricca e variegata scena sociale e di intrattenimento. Eventi tradizionali come i ceilidhs (una forma affa-scinante e gregaria di ballo scozzese), le processioni di strada, il giro dei pub della società e i fuochi d'artificio sulla spiaggia sono stati tutti proibiti per gli studenti di quest'anno.













Saint Andrews, Scozia



Una gestione limitata dei club sportivi ha influito non solo sul benessere fisico degli studenti, ma anche sulla loro salute mentale. Questa limitazione, o ancor di più, la mancanza di attività sportive è stata soppressa più a sud in Europa da Alex Ferrando-Jenks, studente con borsa di studio in ingegneria informatica presso l'Institut Pedralbes di Barcellona.



Sia Tabitha che Alex hanno scelto di condurre uno stile di vita sano, includendo lo sport nella loro routine quotidiana. Purtroppo la restrizione di movimento ha preso il sopravvento, vedendo una vita attiva sostituita da una vita sedentaria, in quello che Tabitha descrive come "un habitat vuoto".

Alex mi dice: "Per oltre dieci anni il tennis è stato un modo per sfogarsi, una sorta di pulsante di ‘reset' per me". Percepisco nelle parole di Alex uno stato d'animo quasi da “pentola a pressione".



Entrambi gli studenti, uno all'altro capo del continente europeo, condividono la stessa sensazione di come l'importanza intangibile dell'interazione faccia a faccia

sia improvvisamente diventata una tangibile parte mancante della loro vita quotidiana e della loro espe-rienza di apprendimento.



Durante questo anno accademico la maggior parte degli studenti di Barcellona sono passati alle lezioni online e, secondo Alex, condividono tutti la stessa sensazione di stanchezza. Trasferendo la nostra at-tenzione a quanto accade all'Università Statale di Milano, un anonimo studente universitario usa esatta-mente la stessa parola usata da Alex - cansancio in spagnolo, - solo in italiano: "esaurimento".


La stanchezza è stata vissuta e sofferta da alcuni studenti di New York, dove l'esperienza dell'isolamento e della mancanza di cura pastorale di un'università di fama mondiale è stata portata a un livello quasi dire eccessivo, lasciando una cicatrice traumatica in uno studente americano che ha voluto rimanere anonimo.


Tabitha in Scozia rafforza il fatto che sostituire le lezioni in auditorium pieni di studenti guidati da un pro-fessore con lezioni online non funziona. Dice: "La discussione con i colleghi studenti e i professori, allon-tanati da uno schermo da 13 pollici, manca del livello di comprensione intellettuale e di connessione umana che gli studenti universitari meritano".


Nonostante sia a Barcellona, dove la maggior parte degli studenti ha lezioni online, nel caso di Alex, è

contento di avere ancora lezioni faccia a faccia. Dice: "Secondo il preside, la ragione principale per avere lezioni faccia a faccia è che "oltre il 60% degli studenti non frequenta le lezioni online e nella maggior parte dei casi finisce per abbandonare gli studi".



Universitat de Barcelona, Barcellona



Alex continua: "Una serie di studenti già esausti emotivamente e mentalmente, se non addirittura fisica-mente, a causa dell'isolamento, stanno funzionando su un serbatoio di gas vuoto e sono sul punto di inter-rompere la loro carriera, o addirittura di abbandonarla".


Un altro punto ricorrente tra gli studenti è come le università di tutto il mondo sembrano voler gestire un "anno accademico normale" con programmi, orari, scadenze, perseverando senza sosta con un servizio scadente, ma con lo stesso prezzo per quanto riguarda le rette universitarie.



Secondo le parole di Tabitha: "Come ha sottolineato un mio professore di psicologia, perché il trimestre deve ‘avanzare quasi correndo’ così disperatamente come se fossero tempi ordinari, invece che straordi-nari? C'è qualcosa di sbagliato nel rimandare fino a un momento in cui si possa fornire l'esperienza com-pleta, o almeno fino a quando non si possa costruire un'alternativa migliore? Perché ci si dovrebbe aspet-tare che gli studenti si limitino al rigido programma

dell'Università, mentre vengono dispensati da un'esperienza incomparabilmente ridotta per lo stesso prezzo? Come università prestigiosa e accademica, la St Andrews è nota per fornire un'istruzione di alta qualità e ben organizzata. La mia esperienza del primo e del secondo anno ha confermato questa aspettativa e il mio prestito studentesco di un certo peso finanziario mi è sempre sembrato giustificato. Tuttavia, questa volta farei fatica a dire lo stesso. Quest'anno accademico è stato senza dubbio un anno di scarsa qualità in termini di rapporto qualità-prezzo".


A Barcellona, commenta Alex: "Le università stanno ancora dando una quantità assurda di lavoro e pro-getti per compensare il fatto di non poter fare gli esami".


La stessa sensazione ed esperienza è vissuta da alcuni studenti in università londinesi altrettanto presti-giose come King's, UCL e St. Martin’s. Si tengono lezioni sia online che di persona. Alcuni studenti del primo anno non sono mai entrati nelle porte delle loro università, né hanno mai attraversato i corridoi del loro campus. Sono stati gettati nella pentola dell'università, lasciati a navigare la loro nuova vita accademica "alla lontana" in tutti i sensi, lavorando su saggi da consegnare a una scadenza fissa, non importa quali siano le circostanze.


Tutto intorno c'è un senso di smarrimento. Un senso di perdita.


Alex, a Barcellona, mi racconta la sua storia:


"Il giorno, per coincidenza, è venerdì 13 marzo. A questo punto, da un paio di mesi sto organizzando il mio Erasmus a Lisbona con Edu, un mio collega.

Dovevamo partire il 20 marzo per iniziare uno stage in un'azienda tecnologica.

Voli e soggiorno, prenotati. Le valigie sono pronte. Eravamo pronti a partire.


La sera dello stesso giorno - venerdì 13 - il primo ministro spagnolo Pedro Sánchez annuncia, in diretta te-levisiva, un blocco a tempo indeterminato con effetto dal giorno successivo, sabato 14.


In attesa del lunedì, i nostri insegnanti chiamano sia me che Edu, per dirci ciò che ormai era diventato ov-vio. Non saremmo andati da nessuna parte. Abbiamo dovuto cancellare i nostri voli e la stanza al dormitorio degli studenti che avevamo prenotato. E, naturalmente, abbiamo anche dovuto restituire la borsa di studio che ci era stata concessa.


Così, invece del tirocinio, i nostri insegnanti ci hanno detto che avremmo dovuto dedicare le 250 ore che avremmo lavorato a Lisbona, a una sorta di "progetto" di natura ambigua.


Alla fine, abbiamo dedicato quelle ore a imparare la programmazione, che si è rivelata molto utile per le classi di quest'anno. Tuttavia, e per quanto lo detesti, a distanza di 9 mesi, non posso fare a meno di pen-sare che ‘ho un po’ perso il treno’…. E forse non potrei avere mai più la possibilità di fare uno stage di quel calibro, figuriamoci di approfittare della mia borsa di studio".



Le università di tutto il mondo hanno bisogno di ripensare il loro approccio? Hanno avuto, o hanno ancora il tempo e gli strumenti per riorganizzarsi? È necessario riconfigurare un nuovo sistema? Le università devono reinventarsi? Hanno davvero il privilegio di ammettere che una lotta si sta svolgendo nel cuore stesso del mondo accademico, quando ci si aspetta così tanto da loro?


Si stanno destreggiando. Come tutti noi. Le università sono state colte alla sprovvista come tutti noi. Servizio e rette. Aspettative e quanto si e’ potuto, e si puo’, in relata’ offrire agli studenti. Educazione ed esperienza. Come si può misurare tutto questo da parte di studenti e professori vulnerabili?



Gli studenti con cui ho parlato hanno lasciato fluire i loro pensieri con cuore aperto, con autenticità quando parlano della loro esperienza, dei loro sentimenti, delle loro delusioni e incertezze. Non c'è da stupirsi che l'ottimismo non sia balzato alla mente quando ho

parlato con loro. Tuttavia, spero ancora che possano, in ogni caso, ricevere un po' di nutrimento intellettuale ed emotivo dalle loro circostanze eccezionali, trasformando la resilienza che hanno dimostrato finora in una lezione di vita e in una prospettiva unica vissuta attraverso l'esperienza, la vulnerabilità e l'adattabilità - dando così forma a una "nuova generazione" di studenti che hanno acquisito un significato più profondo della parola apprendimento.




La mia gratitudine va a tutti gli studenti che hanno dato la loro testimonianza. Un ringraziamento speciale a Tabitha Nutt e Alex Ferrando-Jenks per il loro contributo a questo articolo.

Grazia Giuliani



Tabitha Nutt, St. Andrews University
Alex Ferrando, Institut Pedralbes

2 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti