Monte Bianco – Mont Blanc

Associato alle pratiche agricole è il dolce Monte Bianco, che in Italia viene tradizionalmente preparato l'11 novembre per celebrare la festa di San Martino e la fine della cosiddetta Estate di San Martino, ovvero il breve periodo di clima autunnale mite che si verifica dopo le prime gelate. Il dolce è particolarmente apprezzato nelle regioni del nord Italia della Lombardia e del Piemonte, forse per la sua influenza francese. Il suo nome è evidentemente di ispirazione franco-italiana, legato com'è alla nota montagna innevata delle Alpi Graie.


San Martino di Tours (San Martino di Tours) è, tra le altre attribuzioni, patrono dei viticoltori e dei vinificatori e, nel giorno di San Martino in Italia, è consuetudine che le botti di vino nuovo siano assaggiate e pronte per essere sigillate. Le castagne, generalmente abbondanti in questa stagione, accompagnano la degustazione dei vini e sono preparate in molti modi diversi, uno dei quali è il Monte Bianco del nostro menù.


Durante la Tenuta di San Martino, i contratti agricoli sono tradizionalmente terminati e i lavoratori stagionali sono passati ad altre opportunità. San Martino è comunemente associato alle comunità rurali e ai lavoratori migranti che vi transitano, e lo sfondo agricolo della festa di San Martino è il soggetto di una famosa poesia del premio Nobel Giosué Carducci (1835-1907), riprodotta e tradotta per il vostro piacere.


San Martino (San Martino)

Di Giosué Carducci

La nebbia a gl'irti colli

(Pioggerellina, la nebbia)

piovigginando sale,

(le ripide colline salgono)

e sotto il maestrale

(e i tormenti del vento di nord-ovest)

urla e biancheggia il mar;

(il mare ululante e schiumoso)

mar per le vie del borgo

(ma nel villaggio sreets)

dal ribollir de' tini

(i tini ribollenti mandano avanti)

va l'aspro odor de I vini

(l'odore pungente del vino)

L'anime a rallegrar.

(e rallegrare le anime stanche.)

Gira su' ceppi accesi

(Su tronchi infuocati l'arrosto)

lo spiedo scoppiettando;

(accende il suo spiedo e fa ridacchiare)

sta il cacciator fischiando

(il cacciatore sabbie e fischietti)

sull'uscio a rimirar

(e guardato dalla sua porta)

tra le rossastre nubi

(gli stormi di uccelli che)

stormi d'uccelli neri,

(di nuovo su nuvole rossastre,)

com'esuli pensieri

(come i pensieri abbandonati girano)

nel vespero migrar.

(al crepuscolo, preparandosi a migrare)


Baker, J. San Martino di Giosué Carducci, rubrica in inglese trans. sul blog di John Baker Riflessioni di uno scrittore e lettore che lavora, 19 marzo 2008 [online] disponibile all'indirizzo www.johnbakersblog.co.uk/giosue-carducci; consultabile a novembre 2011


 

Per il vostro piacere…

una ricetta per un'occasione speciale:

Tempo di preparazione: 45 minuti

Tempo di cottura: 40 minuti

Servire: 4-6 persone


Quello di cui hai bisogno:

1 ½ kg / 2 ¼ lb castagne sbucciate

1 ½ litri / 51 fl oz / 6 ½ tazze di latte intero (intero)

1-2 cucchiai di zucchero bianco, secondo il gusto

½ cucchiaino di sale

1 baccello di vaniglia

150g / 5 ¼ oz Amaretti (alle mandorle) biscotti

250g / 8 ½ fl oz / 1 US cup panna da montare / doppia (panna pesante)

1 cucchiaio di cacao in polvere


Come si fa:

Sbucciare le castagne. Per facilitare il distacco della buccia interna, scaldare le castagne in forno prima, ma a bassa temperatura per evitare di arrostirle.


Versare il latte in una pentola capiente e aggiungere le castagne sbucciate. Aggiungere lo zucchero (1 o 2 cucchiai, a seconda della dolcezza del dente), il sale e il baccello di vaniglia.

Cuocere a fuoco basso per 30-40 minuti fino a quando le castagne non si ammorbidiscono. Durante la cottura scremare il latte.


Nel frattempo, sbriciolate i biscotti Amaretti e metteteli da parte. Per sbriciolare i biscotti, li avvolgo in un asciugamano da cucina, piegati in due, poi li schiaccio facendo rotolare una bottiglia di vetro vuota sull'asciugamano, in modo che le briciole non siano troppo fini e rimangano uniformi. Se non volete seguire questo metodo all'antica e avete un robot da cucina, sfrecciate gli Amaretti per qualche secondo.

Una volta che il composto di latte è cotto, provatelo e regolate lo zucchero a piacere. Lasciate raffreddare il composto. Scolate le castagne, tenendo da parte un po' del latte di cottura.


Con l'aiuto di un macinino per alimenti/verdure, mettere nei fori di media grandezza, passare le castagne in una ciotola capiente. Il composto deve essere liscio e morbido. Se non è abbastanza morbido, aggiungere un po' di latte.

Con uno schiacciapatate, passate il composto ancora una volta, ma questa volta direttamente sul piatto di portata e modellatelo in una montagna. Ogni volta che si purea una quantità di impasto di castagne, cospargere le briciole di amaretti.


Una volta fatta la "montagna", montate la panna con una frusta elettrica a mano e una terrina conservata in frigorifero per 10 minuti. Più fredda è la panna e la temperatura della terrina, più la panna si ammorbidisce.

Spalmate la panna montata sulla "montagna" dal basso verso l'alto. Decorare la parte superiore con il resto dell'Amaretti o con la polvere di cacao.


Tenere al fresco e servire entro un'ora.



Ricetta tratta dal libro:

Versatile Cooking & Living Italian


Grazia Giuliani

1 visualizzazione0 commenti

Post recenti

Mostra tutti